venerdì 18 agosto 2017

La guerra è l'arte dell'inganno

In merito, Sun Tzu aveva le idee molto chiare già millenni fa. Agli storici, risulta che tutti i principali condottieri che gli sono succeduti, da Giulio Cesare e Napoleone a quelli dei tempi moderni, fatto tesoro dell'inegnamento riportato nel suo "L'Arte Della Guerra".
In questo documentario altamente istruttivo realizzato con materiale recentemente desecretato, s'illustra l'arte della dissimulazione utilizzata nel corso delle due guerre mondiali e anche successivamente,
E' molto importante rendersi conto che l'arte dell'inganno e della dissimulazione sta alla base di tutte le guerre, anche e soprattutto di quelle apparentemente non cruente, messe in atto con mezzi diversi contro popolazioni, razze, etnie ed interi Paesi.
In Italia possiamo enumerare molti eventi epocali che hanno segnato negativamente la storia nazionale, attuati ingannando l'opinione pubblica anche sotto falsa bandiera. Basti pensare agli atti più eclatanti di terrorismo degli anni di piombo, condotti per lo più da strutture vicine o controllate dalla CIA come la discussa Gladio oppure per conto di esse, da utili idioti reclutati alla bisogna nei centri sociali.
Colpi di Stato attuati tramite una magistratura sguinzagliata ed orientata con precisione a demolire la resistenza nazionale. La guerra climatica più che evidente per dissimulare la quale si sono inventate nuove (false) regole e nuovi lemmi della meteorologia. Problemi spacciati per rimedi come le vaccinazioni tossiche obbligatorie, l'ossessione del PIL, il piano di sostituzione etnica spacciato per intervento umanitario, ecc. basta guardarsi in giro con occhi disincantati per rendersi conto quante guerre siano effettivamente in corso oltre quelle a fuoco di cui parlano i media di regime, fornendocene peraltro visioni distorte e funzionali. 

Articolo correlato: I maestri dell'inganno

giovedì 17 agosto 2017

Cresce il PIL: una buona notizia?


Come il tonno che si taglia con un grissino, perché è composto da frattaglie anziché da pregiati filetti, dalla politica ci vengono sbattuti in faccia dei dati che secondo loro dovrebbero certificare dei cambiamenti in positivo ma invece, nella migliore delle ipotesi, sono spesso insignificanti.
L'era Monti è stata quella dello spread - che sostanzialmente significa differenza o differenziale - che è stato utilizzato per giustificare dei provvedimenti gravemente lesivi dell'interesse nazionale e dei cittadini ma che in realtà è pressoché ininfluente sull'economia reale, quella fatta di lavoro, domanda ed offerta di beni materiali e servizi.
Poi forse la maggioranza della gente ha cominciato a subodorare l'inganno ed i media di regime si sono affrettati a riportare l'attenzione del pubblico sul Prodotto Interno Lordo, il famigerato PIL che quando non cresce è lutto nazionale anche se poco o nulla ha a che vedere con il benessere individuale.

Dagli ultimi dati ufficiali - per la verità non ancora confermati - il PIL risulta aumentato dell'1,5% che sembra anche tanto se non lo si va a paragonare ad esempio con quello dell'Angola - stato africano - che in un periodo corrispondente è cresciuto del 150% ovvero 100 volte di più.
Ad onor del vero è anche più facile che si verifichi un simile aumento percentuale in un Paese "povero" che in uno dei più ricchi del mondo, e per giunta in recessione economica, com'è l'Italia.
Ma com'è possibile che il PIL cresca in un Paese in recessione?
Semplice: il PIL comprende molti fattori, compresi alcuni che non apportano alcun miglioramento dello stato di benessere sociale.
Ad esempio, possiamo ipotizzare che il dato emergente sia stato sostenuto anche dalle nostre industrie degli armamenti - tra le migliori al mondo e partecipate azionariamente anche da Stati come il Vaticano - sia come export grazie alle sempre nuove guerre americane, sia verso il mercato interno che corre ad armarsi visto il crescente stato d'insicurezza sociale.
Ma di sicuro, un sostanzioso impulso al PIL - e lo avevo previsto a suo tempo - è provenuto provvidenzialmente anche dal terremoto. Eh sì perché il PIL cresce anche in caso di terremoti, incendi a tappeto, alluvioni e catastrofi varie. Questo dovrebbe essere sufficiente a far capire che il PIL non misura affatto il benessere ma serve solo al sistema capitalistico finaziario a prosperare.
Un'ancor più recente analisi sui consumi ne attesta la ripresa in base alla maggiore richiesta e quindi produzione di energia. Vero, m ail rapporto non tiene conto del fatto che questo aumento è stato determinato direttamente dal gran caldo, a causa del maggior utilizzo di sistemi di condizionamento! Equivale più o meno a dire che si sono vendute più roulottes grazie al terremoto.
La finanza, a differenza dell'economia reale, funziona unicamente in una condizione di crescita ed è per questo che ci sbandierano sotto il naso il dato del PIL come se anche per noi avesse una qualsiasi rilevanza, esclusi quelli di noi che investono in borsa o in altre attività legate alla finanza pura, senza produzione di beni e servizi.

In ultimo, prima di ripassare - che fa sempre bene - il celebre discorso di Robert Kennedy che probabilmente gli costò la vita (assieme ad altre sue rivoluzionarie dichiarazioni d'intenti), va ricordato che nell'ultimo periodo in Italia, assieme al PIL è cresciuta la disoccupazione fino a stabilire il primato tra tutti i Paesi europei, è aumentato il numero di indigenti (circa 5 milioni!!) e continuano a chiudere in media 50 attività al giorno
E tutti questi dati si trovano in perfetto accordo con l'aumento del PIL.

Articoli correlati:

martedì 15 agosto 2017

Il testamento di Gheddafi

Scritto quando era ormai sotto attacco da parte del suo "figlio africano" Obama, dal Grande statista libico che aveva portato il suo Paese ad uno stato di benessere e sicurezza e progettava - come Malcolm X - un'Africa sovrana e progredita attraverso un'unione ed una moneta continentale.
Come per quasi tutte le guerre sioniste a cui siamo costretti ad aderire ed a subirne le conseguenze a spese nostre, anche l'Italia ha avuto da perdere, e non poco, con la distruzione pianificata della Libia.
Anche il dramma dell'immigrazione di massa attraverso la Libia è ora possibile solo perché il Paese africano è allo sbando, in mano a bande armate più o meno legittimate dall'attuale malgoverno.

lunedì 14 agosto 2017

Il Presidente Boldrina denigra la legalità

Ho spesso evidenziato come in Italia, uno dei comportamenti maggiormente perseguiti dai malgoverni legittimi ed illegittimi che si sono susseguiti dopo il colpo di Stato CIA del 1992 è sicuramente l'imprenditoria privata. Tutti gli imprenditori non abbastanza potenti da condizionare la politica nazionale ed eludere le leggi nazionali, sanno bene che la burocrazia ed il sistema di prelievo fiscale sono congegnati per dissuadere e stroncare

domenica 13 agosto 2017

Cosa sanno i migranti dell'Italia?

Lungi dall'essere un fenomeno spontaneo, quello della migrazione di massa di giovani maschi stranieri più o meno benestanti e nullafacenti da mantenere a spese dello Stato italiano, appare estremamente ben pianificato e finanziato.
Ci si può rendere conto dal loro comportamento sprezzante nei confronti dello Stato e dei cittadini, che i migranti, fin dal primo giorno in cui trasbordano sulle navi traghetto, conoscono molto bene non solo i loro diritti ma anche tutti i trucchi per eludere le leggi: è chiaro come prima di partire vengano ben edotti da qualcuno che si è preso la briga di istruirli. 
Lo stesso italiano medio ignora gran parte dei suoi diritti civili, come fanno questi ad arrivare in un Paese che non conoscono e sapere perfettamente cosa possono fare (praticamente tutto impunemente, compresi atti criminosi) e cosa non possono fare (nulla)?

giovedì 10 agosto 2017

Chi vuole giocare alla guerra con lo zio Tom?

Esattamente come un bullo ipertrofico e prepotente, gli USA sono perennemente alla ricerca di qualcuno da attaccare. Del resto, è quello che sanno fare meglio ed è l'unica attività di cui sono capaci a generare sempre un grosso incremento del PIL, tra produzione di armamenti e business della ricostruzione.
Il Paese più indebitato del mondo è purtroppo anche il più guerrafondaio della storia, con una media di quasi una guerra all'anno a partire dalla sua costituzione.
A proposito di Costituzione, quella americana (vergata su robusta e durevole carta di canapa, pianta di cui gli stessi USA vietarono la coltivazione) essa prevede che gli states non possano entrare

martedì 8 agosto 2017

Verità troppo evidenti per ritenerle vere

Il posto migliore per nascondere qualsiasi cosa è in piena vista.
[Edgar Allan Poe, La lettera rubata]

Una delle tecniche di controllo mentale(*) che risultano essere più efficaci e facili da attuare, è quella di banalizzare a tal punto un fenomeno da renderlo non più significativo agli occhi di chi ne ricerca compulsivamente le cause immaginandole occultate da strati di verità sovrapposte ed avviluppate tra loro.
In fondo, coloro che sono additati come complottisti, non fanno altro che sostenere l'evidenza di fatti comprovati e non a caso George

lunedì 7 agosto 2017

Dare il buon esempio



Un comportamento di gran lunga meno ipocrita, da parte di chi pretende di imporre le proprie regole ad un prossimo restio ad accettarle, sarebbe quello di dare il buon esempio, se non altro per dimostrare con i fatti e non a parole la validità dei principi che sostiene.
Ad esempio, chi vuole imporre agli altri l'accoglienza incondizionata ed indefinita di giovani maschi stranieri benestanti e nullafacenti da mantere a spese della comunità, invece di arrabbiarsi ed offendere chi rimane su posizioni razionali, dovrebbe mettere a disposizione dei migranti che vuole accogliere la propria casa nonché le donne di famiglia e provvedere al loro sostentamento.
In tal modo, se l'esperimento si dovesse sortire imprevedibilmente effetti positivi (come l'aumemto della popolazione italiana, ammesso e non concesso

domenica 6 agosto 2017

La riscoperta dell'Interesse Nazionale

Nel progetto di deindustrializzazione forzata del Paese, il concetto di interesse nazionale fu accantonato, dal pensiero unico dominante, nel dimenticatoio del politicamente scorretto e quindi del totale asservimento ad un europeismo a senso unico. Tale che in Italia cominciò ad andare bene tutto quello che avvantaggiava il progetto europeo - a qualsiasi costo interno - e non più bene ciò che avvantaggiava (solamente) il Paese nella sua individualità.

Questo pensiero perverso e masochistico in corso fin dal tempo dello smantellamento dell'IRI guidato dal criminale politico Romano Prodi che avviò la svendita al peggiore offerente del colosso industriale italiano, precedentemente

venerdì 4 agosto 2017

Chi comanda veramente in Italia?


Per esclusione, bisogna innanzitutto prendere atto che nel "nostro" Paese chi ha il potere di prendere le decisioni che ci riguardano non è espressione della volontà popolare.
Altrimenti non si spiegherebbe perché gli ultimi governi ineletti che si sono succeduti dopo il Colpo di Stato del 2011 continuano impuniti ed incontrastati ad imporre leggi e provvedimenti che la maggioranza della popolazione non vuole.
Gli esempi in merito si sprecano ma basti pensare al  decreto sui vaccini gravemente lesivo per la salute pubblica ed alla linea sull'accoglienza senza fine di giovani maschi stranieri benestanti e nullafacenti da mantenere a nostre spese a cui è contraria l'83% degli italiani, per avere la prova provata che il governo esplica interessi estranei a quelli nazionali.
Considerando che il rimanente 17% di popolazione è probabilmente costituito in

martedì 1 agosto 2017

Mi difendo ma solo se sono arrabbiato


Al noto personaggio Mauro Corona è stato concesso dalla rete TV La7 di esprimere un parere sulla questione della Legittima Difesa, a seguito di una violazione di domicilio che ha subito in casa sua. Con la tipica incoerenza di chi si professa - o è convinto di essere - "di sinistra", ha prima fatto una dichiarazione d'intenti molto violenta, da Uomo ovvero da cittadino, per poi ritrattare affermando che, una volta sbollita la rabbia, avrebbe anche offerto da bere a chi ha violato la sua abitazione, dichiarando in pratica di essere disposto a porgere l'altra guancia ovvero a comportarsi da suddito invece che da cittadino.
Nell'intervista, egli afferma testualmente che al momento avrebbe "macellato" l'intruso, sparato per ucciderlo ma poi gli avrebbe offerto una birra.
Nel corso dell'intervista dev'essersi reso conto di aver espresso dei concetti tra

sabato 29 luglio 2017

La rivincita dell'Obamacare in Italia: vogliamo nomi e cognomi dei vaccinatori


L'approvazione in via definitiva del decreto che obbliga l'inoculazione coatta di ben 10 vaccini tossici e non del tutto sperimentati ai bambini italiani, costituisce per l'ex-presidente Obama un discreto riscatto contro il tentativo di demolizione delle sue leggi sanitarie in USA.
Al presidente americano più guerrafondaio della storia è bastato un viaggio in Toscana per imporre senza difficoltà al nostro - anzi suo - governo corrotto e servile, l'obbligatorietà vaccinale all'Italia quale Paese scelto dagli USA per la sperimentazione su scala europea di tale disposizione dittatoriale.
Un ulteriore giro di vite della dittatura planetaria che si va consolidando mentre le gente non trova di meglio che manifestare per strada occasionalmente e contro una sola alla volta delle molteplici vessazioni a cui giornalmente è sottoposta.

venerdì 28 luglio 2017

Porto Santo Stefano: l'atto egoico di una mamma



A rigor di semantica moderna, il recente caso della vigilessa di Porto Santo Stefano che spara al figlio e poi si uccide andrebbe annoverato nella categoria dei maschicidi ovvero di quei delitti che vedono maschi vittime di femmine, specialità criminale purtroppo in aumento nel nostro Paese. Preciso che si tratta di un aumento reale, statisticamente comprovato, non come per i cosiddetti femminicidi che sono numericamente in calo dal 2005 anche se i media di regime ne parlano come se fossero in aumento.
Per chi si diverte a discriminare gli omicidi in base non solo al sesso di attori e

sabato 22 luglio 2017

Pensioni a rischio a causa dell'immigrazione di massa


Uno degli effetti collaterali negativi causati dall'immigrazione, sottovalutati o proprio non presi in considerazione nel medio termine sull'economia è il progressivo prosciugamento dei fondi destinati alle pensioni.
Non è necessario essere un economista per capire che in un Paese che si trova in una recessione forzosa, la disoccupazione è in aumento e chiudono decine di imprese al giorno, il gettito previdenziale tende inevitabilmente a diminuire.
In questo contesto, andare a prelevare

venerdì 21 luglio 2017

Le origini storiche del piano di soppressione etnica europea

Come già sottolineato diverse volte in questo blog, ignorare il Piano Kalergi significa non disporre degli essenziali elementi di valutazione sul fenomeno dell'immigrazione incontrollata non solo nel nostro Paese ma in tutta Europa e perfino negli USA.
In poche parole, chi ignora gli estremi di tale programma, non ha la minima idea delle dinamiche che stanno a monte del fenomeno migratorio e può asserire e convincersi solo di una serie di sciocchezze infondate.

Il Piano Kalergi descritto con grande lucidità, nella sostanza e negli effetti, dalle parole di Don Curzio Nitoglia: come dire che non tutti i cattolici vengono per nuocere come Bergoglio... . Da ascoltare con grande attenzione, parola per parola, magari scartando qualche presupposto puramente teologico - cioè falso -

giovedì 20 luglio 2017

L'Italia del PD

Ecco a cosa stanno portando le tensioni ed i disequilibri sociali causati dall'immigrazione incontrollata pianificata e finanziata dal criminale finanziario George Soros ed attuata dal suo esecutore in Italia, il Partito antiDemocratico.
Non c'è di meglio che una lotta tra proletari - come la definiva Pasolini anche nel caso di scontri tra polizia ed altri lavoratori - per disgregare la popolazione ed indurla ad atti violenti per surrogare la voluta e pianificata mancanza dello Stato.
Reazione che necessiterà di una soluzione che, come al solito, consisterà in un "inasprimento delle pene", unico atto politico di cui è capace un governo corrotto ed incompetente.
Potrei quasi indovinare il provvedimento demenziale che sarà preso per assicurare la pace nei mercati: vietare l'ingresso ai furgoni. 

lunedì 17 luglio 2017

Ricordiamoci il Partito Corrotto Italiano

In un'epoca in cui ci s'indigna di tutto ed è spuntato dal nulla un Movimento che ha fatto della lotta alla corruzione il suo vessillo, bisognerebbe ricordare come questa pratica sia stata da sempre congenita alla politica italiana e sia diventata obsoleta solo dopo che il Colpo di Stato del 1992 l'ha resa inutile per via del fatto che l'intera classe politica dominante è passata alle dipendenze dei poteri sovranazionali. Non è più pensabile infatti, immaginare che nemici della Patria come gli ultimi malgovernanti ineletti siano semplicemente dei corrotti quando fin dal loro primo insediamento hanno lavorato indefessamente - nonché criminalmente - contro gli interessi nazionali e dei cittadini.
Ce lo ricorda uno dei massimi statisti di sempre che ha espresso la nostra nazione, nel corso di quella farsa diretta dalla CIA e denominata Mani Pulite in cui nel primo Colpo di Stato mediatico attuato in Italia, furono eliminate le

giovedì 13 luglio 2017

Censura e persecuzione delle idee come unico prodotto politico della sinistra


Il Presidente Abusivo della Camera dei Deputati della IV legislatura Ineletta, Laura Boldrini, pur di rimanere aggrappata al suo seggio fino alla maturazione dell'immeritato vitalizio ed eludere problemi reali e pressanti, riesuma dall'oblio della storia lo spauracchio dei comunisti: il fascismo. Essendo l'antifascismo l'unico sentimento capace di essere espresso e condiviso da tutta la sinistra italiana.

Secondo lei ed i politici ad essa conniventi, la priorità del momento è riscrivere le disposizioni già esistenti in materia di nazifascismo, traendo lo spunto dall'improvvisa scoperta di un lido "fascista" in piena riviera romagnola.

mercoledì 12 luglio 2017

La Politica come la Medicina


Provenendo da una famiglia che, a partire da fine '800, ha enumerato finora 12 medici, ho potuto assistere al progressivo cambio di paradigma che ha caratterizzato la professione, una volta mirata alla cura delle malattie, oggi al mero lenimento dei sintomi ad esse collegati.
Chiaramente, se le Case farmaceutiche sono enti privati e pertanto mirati al profitto, è puerile pensare che possano avere interesse a ridurre il numero di malati e quindi è comprensibile il loro interesse a stravolgere la stessa missione della Medicina. Non a caso, i percorsi formativi dei medici sono ormai del tutto pianificati dalle stesse Case farmaceutiche che detengono saldamente in mano gli atenei e la stessa ricerca. 

Una degenerazione molto simile ha interessato anche la politica italiana. Negli

martedì 11 luglio 2017

Renzone il censore


Pur di arrivare ancora in carica a settembre, quando matureranno l'uva ed i vitalizi ai parlamentari di questa sciagurata legislatura, il Partito antiDemocratico per eccellenza non si fa sfuggire ogni minima occasione per montare onde d'indignazione artificiale allo scopo di promulgare qualche nuova legge, preferibilmente liberticida, che si vada ad aggiungere alle già troppe esistenti nella giurisprudenza italiana.
A riguardo, ricordiamo che il nostro Paese è quello più afflitto al mondo per numero di leggi, gran parte delle quali assolutamente inutili se non dannose e addirittura anticostituzionali.

lunedì 10 luglio 2017

L'Italia che dissente


Totalmente ignorate dai media di regime, nel nostro Paese si svolgono quasi quotidianamente importanti manifestazioni di dissenso popolare, giusto per smentire la diceria che il popolo italiano sia completamente anestetizzato dal qualunquismo e dal menefreghismo.

I palinsesti dei giornali sono riempiti per elezione di notizie più o meno sensazionali ma sempre abbastanza "avvincenti" - ovvero vendibili - possibilmente interpretate e confezionate in modo da veicolare un messaggio di propaganda funzionale al Sistema.
Le notizie più ambite riguardano sciagure, atti di guerra, terrorismo ed incidenti che causino almeno un morto.
A seguire, fatti che contengano un fondo di perversione criminale e/o sessuale le

venerdì 7 luglio 2017

Cronache terrestri

 Mentre in Inghilterra ci si prepara ad imporre la legge marziale con la scusa dei ripetuti auto-attentati finto-terroristici, in Italia c'è una folta schiera di dementi che si stupisce e magari s'indigna pure perché Francia, Svizzera ed Austria chiudono le frontiere all'orda di giovani maschi benestanti che i faccendieri italiani di George Soros vanno a prelevare ogni giorno direttamente presso le coste libiche.

La Francia in particolare, se così non facesse, rischierebbe di pagare lo scotto della distruzione dello Stato sociale libico che ha fortemente determinato con le sue politiche di guerra, a partire dall'abbattimento del volo Itavia su Ustica, scambiato dai caccia

mercoledì 5 luglio 2017

Preferirei di no


Splendida dimostrazione al Palio di Siena, di come un dissenso pacifico ma fermo può cambiare il mondo, o almeno il proprio destino rimanendo comunque d'esempio ai posteri.
 Il cavallo Tornasol - il cui nome appare assai simbolico - si è semplicemente rifiutato ad oltranza di schierarsi per la corsa fino a che la piazza, dopo oltre un'ora di tentativi trasmessi in diretta TV, si è decisa di fare a meno di lui, e della contrada da esso rappresentata, e dare l'avvio alla cosiddetta "carriera" con i rimanenti 9 equipaggi.
Bartleby lo Scrivano, nell'omonimo romanzo di Melville, oppose la sua resistenza passiva fino a lasciarsi morire - e non è detto che stessa sorte non tocchi anche al cavallo dissidente - ed in questi tempi molti italiani spremuti fino all'osso dallo Stato e dalle sue Agenzie delle Uscite (dal nostro punto di vista) non trovano